Gli “italiani” in giro con le nazionali sotto la lente d’ingrandimento del fantallenatore

Scritto da Rindi Andrea (admin). Inserito in EDITORIALI

lukaku belgioSettimana di pausa per il campionato, ma il fantallenatore non si ferma mai. Il fantallenatore va a studiare anche le gare in nazionale, non dei propri beniamini, bensì dei suoi giocatori in rosa.

I sentimenti contrastanti dei fantallenatori

I fantallenaori sono una fetta degli sportivi italiani che si riconoscono ancor di più nel vecchio detto “In Italia ci sono 60 milioni di allenatori”. Il fantallenatore è colui che realmente crede di allenare i giocatori nelle proprie e fantarose e come tale li segue anche quando vanno in nazionale.

In molti sfruttano proprio questa pausa per comporre le proprie rose che sia con asta o senza.

Le sensazioni, così come il credo calcistico e diverso da allenatore ad allenatore, sono completamente contrastanti.

C’è chi spera che il proprio campione non venga proprio convocato per potersi riposare e raccogliere le energie. C’è chi ritiene il contrario, che una eventuale mancata convocazione possa influire negativamente sul morale e quindi sul rendimento.

Una volta in nazionale si spera che non venga spremuto per tutti i 90 minuti. Ma si spera anche che dimostri tutto il suo valore in modo da aumentare l’autostima.

Una cosa mette tutti d’accordo: la paura degli infortuni in nazionale che, soprattutto negli ultimi anni, ha influito abbastanza sui rendimenti di alcuni top.

Vediamo un po’ gli “italiani” in giro per Euro2020

Finalandia-Grecia 1-0: il neo napoletano Manolas ha giocato tutti i 90 minuti durante la gara contro la nazionale scandinava. Joronen, portiere del Brescia, è rimasto in panchina per tutta la gara.

Bosnia-Liechtestein 5-0: alla vittoria della Bosnia sul malcapitato Liechtestein. Hanno contribuito il mediano del Milan Krunic per 90 minuti e il mediano della Juventus Pjanic, sostituito dopo 83 minuti, e l’attaccante giallorosso Dzeko per 90 minuti segnando anche un gol.

Israele-Macedonia 1-1: tra le fila dei macedoni hanno giocato il neo napoletano Elmas per 90 minuti Nestorvski per 68 minuti sostituito da Pandev.

Irlanda- Svizzera 1-1: l’esterno del Milan R. Rodriguez è rimasto in campo tutta la gara, mentre il mediano atalantino Freuler è uscito dopo 90 minuti giocati e durante il recupero.

Gibilterra-Danimarca 0-6: tra le fila danesi hanno giocato l’acquisto last minute dell’Atalanta Kjaer per 63 minuti e l’esterno friulano Larsen. I 2 genoani Schone e Lerager sono partiti dalla panchina con l’ex Ajax entrato al 77° minuto confezionando l’assist per il 6° gol un minuto dopo.

Isole Far Oer-Svezia 0-4: tra gli scandinavi sono scesi in campo Olsen, nuovo portiere del Cagliari per l’intera gara ed il blucerchiato Ekdal uscito dopo 63 minuti di gioco.

Romania-Spagna 1-2: tra i rumeni, Chiriches, neo Sassuolo, ha giocato tutta la gara al centro della difesa, mentre ul portiere del Genoa, Radu, ha fatto il tifo per i suoi dalla panchina. Nelle fila della Spagna, il napoletano Ruiz ha disputato tutta la gara, mentre il portiere della Roma Pau Lopez e l’esterno del Milan Suso hanno assistito alla gara dalla panchina.

Le amichevoli extra europee

Giappone-Paraguay 2-0: tra i padroni di casa, il difensore felsineo Tamyasu ha disputato tutti i 90 minuti, mentre per i sudamericani, l’attaccante genoano Sanabria è uscito dopo 64 minuti.

Montenegro-Ungheria 2-1: il laziale Marusic ha giocato tutta la gara tra le fila montenegrine.

Argentina-Cile 0-0: tanti “italiani” impegnati in campo nell’amichevole sudamericana. Il friulano De Paul, lo juventino Dybala ed il laziale Correa sono usciti rispettivamente dopo 67, 70 e 58 minuti mentre il viola Pezzella ha assistito dalla panchina. Tra i cileni, il neo interista Sanchez ha disputato tutta la gara.lukaku belgio